COLLEZIONE TELEFONI D'EPOCA

DI DANIELE IELMONI


ANNI 20'

1921
Il 9 agosto viene costituita la Compagnia Italiana Cavi Telegrafici Sottomarini poi Italcable, nata per l’esercizio delle comunicazioni telegrafiche transoceaniche.

1923
A settembre il primo governo Mussolini decide di affidare a più concessionarie private la gestione della telefonia italiana, suddividendo il territorio nazionale in cinque zone. Lo Stato si riserva la rete telefonica a grande distanza.
Già nel 1916 una commissione governativa, presieduta dall’ingegner Guido Semenza, aveva sostenuto l’opportunità per lo Stato di liberarsi dell’esercizio telefonico affidandolo all’iniziativa dei privati. Le pesanti condizioni finanziarie ereditate dal bilancio statale negli anni di guerra determinarono infine la svolta privatistica.
La decisione di affidare a più concessionarie la gestione del sistema telefonico è determinata dall’esigenza di impedirne la concentrazione nelle mani di un solo centro di potere privato o del capitale straniero, dato che le maggiori aziende costruttrici di impianti telefonici che operano in Italia sono straniere oppure sotto il controllo
di capitale straniero.

1925
Viene fissata la ripartizione del servizio telefonico in cinque zone. Per la cosiddetta sesta zona, la rete telefonica interurbana e internazionale, si decide (14 giugno) la costituzione dell’Azienda di Stato per i Servizi Telefonici (ASST). Alla nuova azienda statale, dipendente dal Ministero delle Comunicazioni, sono attribuiti anche compiti di sorveglianza e di controllo sull’attività delle cinque concessionarie di zona.
A luglio vengono approvate le concessioni alle società STIPEL (Società Telefonica Interregionale Piemontese e Lombarda), TELVE (Società Telefonica delle Tre Venezie), TIMO (Telefoni Italia Medio-Orientale), TETI (Società Telefonica Tirrenia) e SET (Società Esercizi Telefonici), che hanno l’obbligo di assorbire le concessionarie preesistenti. Le cinque zone sono così distribuite.


1a zona
 Piemonte e Lombardia 
 STIPEL

2a zona
 Tre Venezie, Friuli, Zara 
 TELVE

3a zona
 Emilia, Marche, Umbria, Abruzzo, Molise 
 TIMO

4a zona
 Liguria, Toscana, Lazio, Sardegna
 TETI

5a zona
 Italia meridionale e Sicilia 
 SET

Fra le concessionarie spicca la STIPEL, che si è aggiudicata la prima zona, la maggiore per impianti, abbonati e potenzialità di sviluppo. La società è stata costituita a Torino nel giugno del 1924. Il 12 ottobre è inaugurato il servizio.

1927
Vengono introdotti i primi servizi speciali: ora esatta, orario treni, notizie sportive, informazioni generali, sveglia, sorveglianza apparecchi di abbonati assenti, prenotazioni ferroviarie e teatrali, soccorso automobilistico.
Compaiono i primi apparecchi telefonici pubblici a gettone.
L’impianto e l’esercizio delle stazioni radiotrasmittenti a bordo delle navi mercantili è affidato in concessione alla Società Italiana Radiomarittima (S.I.R.M) che succede alla Compagnia Italiana Marconi.


1928
La SIP, che già controlla la STIPEL, acquisisce anche il controllo di TIMO e TELVE, concentrando nelle proprie mani oltre metà del settore telefonico e diventando uno dei più rilevanti gruppi economici del Paese.
SIP (Società Idroelettrica Piemontese) era la ragione sociale assunta il 19 aprile 1918 dalla Società Industriale Elettro-Chimica Pont Saint Martin, la quale, costituita il 20 giugno 1899 con funzioni puramente locali (lo sfruttamento di una piccola centrale idroelettrica e la distribuzione di energia elettrica in prevalenza nel distretto industriale di Biella), negli anni Venti aveva esteso i suoi interessi al settore telefonico.

I tecnici STIPEL realizzano il telefono duplex che consentirà un significativo incremento dell’utenza e che negli anni seguenti avrà una grandissima diffusione.
Viene progettata ed eseguita la posa di un cavo sotterraneo (detto cavo Ponti, dal nome del presidente della SIP) sul tracciato Torino-Milano-Laghi, che avrà successive estensioni, rendendo possibile l’automatizzazione integrale di tutte le località della provincia di Milano.

Home page gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!